Galleria Elleni
Bergamo Via Broseta, 37
Tel. 035 243667
E-Mail: info@galleriaelleni.it

Mostra di Gianni Bertini

17 / 09 / 2015

FRAMMENTI 1956-77

La mostra ripercorre l’opera di Gianni Bertini (Pisa 1922-Normandia 2010), pittore fin dagli esordi tra il 1948 e il 1949 realizza il ciclo dei “Gridi” anticipando quello che diventerà poi POP ART negli anni ’60. 

La prima importante esposizione è alla Galleria Numero di Firenze nel 1951 dove la sgocciolatura è largamente impiegata e rappresenta la prima manifestazione di pittura informale in Italia. Sul finire del 1951 si trasferisce a Parigi. Compie numerosi viaggi in Europa. 


Nel 1960 parte per gli Stati Uniti. Ritorna a Parigi e partecipa all’azione del “Noveau Rèalisme” teorizzato da Pierre Restany. Nel 1965 firma il primo manifesto della MEC-ART con Bury, Jaquet, Nikos e Rotella. MEC-ART abbreviazione di mec(hanical)art. L’opera d’arte utilizza i procedimenti fotografici (clichès diretti su carta, tela o metallo emulsionato). Nel 1968 è invitato con sala personale alla Biennale di Venezia, mentre nell’edizione successiva è commissario dell’esposizione. Durante questi anni compie viaggi in tutto il mondo, quindi rientra a Milano dove tra il 1971 1 il 1972 fonda due riviste di poesia visiva, “Mec” e “Lotta poetica”. Nel 1997 lancia il manifesto della “Retroguardia” in opposizione al dilagare di un arte morta sul nascere. Ai principi della Mec-Art si innesta un intenso ed approfondito apporto cromatico, che auspica il rinascere del mestiere di Pittore. Ha tenuto mostre personali in Gallerie e Musei di tutto il mondo. La mostra prevede un percorso partendo da alcune opere informali del 1956 fino ad arrivare ai lavori realizzati alla fine degli anni settanta della MEC-ART, intelligenti ri-letture di immagini provenienti da manifesti e rotocalchi in piena sintonia e coraggioso anticipatore di un epoca nella quale i media e le immagini provenienti dagli stessi diverranno assoluti protagonisti del mondo dell’arte.

La mostra è inserita nell’ambito dell’iniziativa PLAY Artdate 2015 promossa dall’associazione culturale The blank arte contemporanea Bergamo.